Pagine

Translate

lunedì 5 giugno 2017

Biblioburro: Avete visto Anna?




"È stato un attimo. Un chilo di mele, un’occhiata ai mandarini e Anna non si trova più."











Una mamma va al mercato con la figlia e tutta indaffarata ad osservare le bancarelle non si accorge che ad un tratto la bambina non c’è più. Dov’è finita Anna? La mamma interroga le persone attorno a lei che subito dimostrano interesse e preoccupazione per questa improvvisa sparizione. Le domande che si fanno sentire in mezzo a quella piccola folla sono quelle che faremmo tutti: Com’è fatta Anna? Cosa indossa? È alta oppure è bassa? Come ha i capelli? La mamma, visibilmente preoccupata per la sparizione, non tarda a dare le risposte, che però descrivono la bambina in modo del tutto originale.




 Anna è diversa da tutti gli altri, è unica. Ha una gonna bianca e dei codini, ma queste potrebbero essere informazioni comuni con altre bambine. Anna però ha la pelle che cambia colore: quando va al mare il suo colorito ocra diventa più scuro; quando sta male si tinge leggermente di verde; una volta è diventata pure tutta a puntini! Quando ascolta le storie Anna diventa morbida come una nuvola, ma quando l’umore cambia diventa rigida, talmente spinosa che non ci si può avvicinare. Rossa come il fuoco quando si ammala, azzurra come il ghiaccio quando si ferma all’ombra ad osservare le formiche.


 A volte Anna è appiccicosa come la colla, altre volte è piccola e silenziosa che potrebbe stare in una piccola scatola; Anna è unica, impossibile non accorgersi di lei.
Ogni bambino è diverso dagli altri, il carattere, l’aspetto fisico. Solo una mamma riesce a cogliere quelle particolari sfumature che rendono il proprio figlio o figlia diverso dagli altri. Non migliore, semplicemente unico. 

Avete visto Anna?
Susanna Mattiangeli, Chiara Carrer
Il Castoro
da 5 anni

Nessun commento:

Posta un commento