Pagine

Translate

venerdì 17 marzo 2017

Biblioburro: Il signor Tigre si scatena



Il signor Tigre abita in una cittadina grigia e anonima. I suoi abitanti si assomigliano tutti; si vestono in modo simile, si comportano in modo formale e rispettoso, sono sempre estremamente educati e persino i loro piccoli giocano in modo tranquillo e pacato. La cosa sembra andare bene a tutti, tranne al signor Tigre, che invece sente il forte desiderio di divertirsi e di lasciarsi andare e non riesce più a vivere in quelle condizioni. All’inizio il suo cambiamento riguarda solamente il modo di camminare: dalla posizione eretta si mette a quattro zampe e già inizia a sentirsi meglio. Poi però, questo apparentemente piccolo cambiamento lo trasforma in un animale più selvatico e più libero; più libero di arrampicarsi, di correre, di giocare, e dato che la cosa non piace a nessuno ma anzi infastidisce tutti quanti, ad un certo punto è costretto ad andarsene dalla città e a rifugiarsi nella selva. Senza abiti addosso, corre, salta, ruggisce, scopre un mondo colorato e rilassato, in cui sente di essere finalmente se stesso e di stare nel posto giusto per la prima volta. Ad un certo punto inizierà ad avvertire la nostalgia degli amici e di casa e deciderà di tornare in città, e allora scoprirà che anche lì le cose hanno cominciato a cambiare.




Un albo illustrato per raccontare la ricerca della propria identità e l’importanza di saperla coltivare, a volte anche contro le regole dell’ambiente in cui si vive. 





Illustrazioni su sfondi bianchi, inizialmente caratterizzate da colori scuri e neutri, dove ad emergere è solo il colore del pelo della tigre, che diventa via via più riconoscibile man mano che il protagonista accetta di essere quello che è; compaiono poi i colori verdi del bosco a raccontare la libertà ritrovata dal protagonista. 

Un'altra recensione qui

Il signor Tigre si scatena
Peter Brown
Traduzione Alice Pascutti
Il castoro
2017
da 4 anni

Nessun commento:

Posta un commento