Pagine

Translate

martedì 18 ottobre 2016

Biblioburro: Mangiare la paura




"E non lo sapevo, cosa sarei stato da grande, sarei stato quello che Allah voleva. Forse sarei diventato un martire, perché i martiri erano i migliori, erano quelli che non avevano paura di morire. La morte faceva paura agli infedeli ma non a un buon musulmano, perché morire era rinascere in un mondo senza difetti. I martiri erano volati in cielo e adesso guardavano Allah, ed erano felici. Volevo essere come loro, io, volevo vedere Allah. Volevo diventare un martire, ecco, questo volevo fare."








Irfan, tredici anni, viene mandato a studiare in una scuola coranica lontana da casa. La sua famiglia è troppo povera anche per sfamarlo e la madre pensa così di assicurargli cibo ed educazione religiosa. La scuola si rivela invece un luogo dove i ragazzi vengono preparati per diventare kamikaze e Irfan dovrà diventare uno di loro. 
Con un linguaggio crudo ma nello stesso tempo anche delicato e poetico, l'autore racconta una storia molto attuale che dovrebbe essere letta nelle scuole per parlare, per provare a capire alcune situazioni e soprattutto per imparare a fare delle distinzioni fondamentali.
La casa editrice offre alcuni spunti di lavoro per insegnanti.

Mangiare la paura. Storia di un ragazzo kamikaze
Antonio Ferrara
Piemme
2016
da 12 anni

Nessun commento:

Posta un commento