Pagine

Translate

lunedì 2 maggio 2016

Biblioburro: Strisce e macchie




Due cuccioli si incontrano nella giungla: un tigrotto e un leopardino. Sono usciti dalle loro rispettive tane un caldo pomeriggio d’estate dopo il sonnellino e si sono addentrati nella foresta alla ricerca di cibo da mangiare. Quando si incontrano stabiliscono un patto per non litigare: il tigrotto potrà mangiarsi tutto ciò che è a strisce, mentre il leopardino potrà tenere per sé tutto ciò che è a macchie. Trovano insetti, animali e persino foglie a strisce e a macchie, ma niente ha il sapore del cibo delle tigri né di quello dei leopardi. E proprio quando si sentono sconsolati e sempre più affamati, i due cuccioli ritrovano le loro mamme, che li riportano a casa e che gli danno, finalmente, la cena e non si tratta di cibo a strisce o a macchie, ma di semplice latte!
Una passeggiata nella giungla che sembra quasi reale, una carrellata di animali e colori vivaci e caldi con tocchi soprattutto di giallo e verde, per questo albo illustrato che, pubblicato da poco da Orecchio acerbo, in realtà uscì la prima volta nel 1961. Tigri e leopardi fanno parte della stessa famiglia, sono molto simili anche nello stile di vita, nonostante il diverso colore del manto, perché in fondo tutti i cuccioli, siano essi animali o umani, si assomigliano: ad un certo punto, curiosi ed un po’ incoscienti, partono alla ricerca di una propria autonomia, ma rimangono sempre dei cuccioli, desiderosi di un caldo abbraccio della madre, che li protegge, li sfama e gli canta la ninna nanna per farli addormentare.
Un albo illustrato da leggere a voce alta ai propri cuccioli e alla fine, prima del bacio della buonanotte, anche la ninna nanna delle tigri e dei leopardi da recitare insieme a loro.
Qui una recensione completa. 

Strisce e macchie
Dahlov Ipcar
Traduzione di Damiano Abeni
Orecchio acerbo
2016
da 4 anni

Nessun commento:

Posta un commento