Pagine

Translate

martedì 8 marzo 2016

Biblioburro: Lei Vivian Maier



"C'era una volta...
Una tata.
Si chiamava Vivian.
Vivian Maier.

Ai bambini voleva bene,
ma io ero il suo unico grande amore.
Eccomi qua.
Io, la sua macchina fotografica.
Vivian mi teneva sempre
accanto al cuore."






La casa editrice Orecchio Acerbo presenta questo libro con la didascalia "Una donna speciale per un 8 marzo speciale".
Mi piace l'arte in generale ma la fotografia ha una marcia in più rispetto alla pittura. Bisogna saper cogliere l'attimo, vedere con cento occhi il mondo che si muove attorno e catturare l'attimo giusto che, magari, scorre sul viso di uno sconosciuto. Saper emozionare con la fotografia è una dote meravigliosa.



Vivian Maier è considerata una delle maggiori esponenti della "street photography" americana contemporanea. La notorietà però è arrivata pochi anni dopo la sua morte, nel 2007. Con creatività e sensibilità ha catturato l'America e gli americani degli anni Cinquanta - Settanta, con la sua inseparabile Rolleiflex a pozzetto.


Ed è proprio la sua macchina fotografica, sempre appesa vicino al suo cuore, a raccontare la meravigliosa storia di Vivian, di professione tata ma innamorata della fotografia. Un rapporto speciale quello tra la Rolleiflex e Vivian, fatto di attimi, di battiti di ciglia, di ricordi e di fiducia.


Con delicatezza nostalgica Cinzia Ghigliano, fumettista italiana ed insegnante di illustrazione e fumetto a Torino, ritrae con parole e illustrazioni in bianco e nero, la figura di Vivian Maier.

Lei. Vivian Maier
Cinzia Ghigliano
Orecchio Acerbo
2016
da 5 anni

Nessun commento:

Posta un commento