Pagine

Translate

martedì 13 dicembre 2016

Regali straordinari


Regali straordinari in una notte straordinaria, quella di Santa Lucia!Ai bambini ancora indecisi abbiamo dato delle idee, leggendo insieme a loro Il libro dei regali straordinari.


E dopo le letture è arrivato il momento del laboratorio, la decorazione del piatto di Santa Lucia, con caramelle colorate, i pennarelli. E al centro lo spazio per scrivere la letterina (riutilizzabile!).

L'anello che cambia colore in base al tempo che farà è piaciuto molto!

Buona Santa Lucia a tutti i bambini :)

Il libro dei regali straordinari
EDT Giralangolo
2011
da 4 anni 

mercoledì 7 dicembre 2016

Mercoledì al cubo: Il postino dei messaggi in bottiglia


"Il postino dei messaggi in bottiglia viveva solo in cima ad un'altura, con un albero soltanto a fargli ombra. Tutto il tempo teneva gli occhi fissi sulle onde, in cerca di un luccichio di vetro. Il suo era un lavoro della massima importanza. Era suo compito aprire ogni bottiglia arrivata per mare e assicurarsi che fosse portata a destinazione."





Il lavoro del postino a volte è semplice, altre volte è molto impegnativo, soprattutto se, oltre alla distanza da percorrere per consegnare il messaggio, ci si mette anche il brutto tempo. Ma il postino è puntuale e non ha mai mancano nessuna consegna.
Un giorno trova una bottiglia con all'interno un messaggio molto particolare:


"Questo invito potrebbe non arrivare in tempo, ma sto organizzando 
una festa. Domani, marea della sera, in riva al mare.
Per piacere, verrai?"

Nessun mittente e, soprattutto, nessun destinatario. Che fare?



Il postino andò in spiaggia e aspettò e aspettò e aspettò ancora. Proprio quando stava per tornare a casa sentì il rumore di una banda e il verso di un gabbiano. All'improvviso vide il pasticcere con una torta gigantesca, la proprietaria del negozio di caramelle, la donna sua cliente e la bambina vestita di verde. C'erano anche il gabbiano, la marinaia, e l'uomo che suonava gli strumenti di una banda intera. La donna e la bambina vestita di verde dissero: "Sai, abbiamo organizzato noi questa festa. Abbiamo scritto noi quella lettera tempo fa, ma poi ce ne siamo dimenticati! Quando sei passato a domandarci se la lettera era per noi ce ne siamo ricordati! Poi, visto che era tardi abbiamo organizzato tutto in fretta e furia. E sei arrivato". Commosso, il postino ballò e mangiò tutta la sera e la notte finché, stanco morto, tornò a casa e si addormentò subito. Il mattino dopo, svegliatosi, analizzò la lettera e la sua bottiglia. Trovò una scritta nascosta che diceva: Per Giacomo, il postino dei messaggi in bottiglia". E così il postino dei messaggi in bottiglia trovò il suo vero nome e ricevette la sua prima lettera.

Vi ricordate di Daniele? Non ha smesso di leggere, anzi! E' sempre la nostra mascotte ideale. Questa è stata la sua personale interpretazione del libro di Michelle Cuevas
L'attesa della felicità (quella che porta il postino ad ogni sua consegna), la consapevolezza di essere un messaggero speciale, la capacità e la forza di rimanere semplice e umile. Perché quella del postino è una passione, quasi una necessità: quella di portare frammenti di felicità ormai dimenticati. Questo buffo e tenero personaggio, che vive solo, suscita simpatia e tenerezza. 

Un messaggio intenso e molto forte quello che trasmette questo albo, anche se la cosa che ha colpito maggiormente i bambini che hanno ascoltato questa storia (di età diverse) è un'altra: la mancanza del nome del postino. 






Chi gli ha dato il proprio nome, chi quello del fratellino o dell'amico, e chi invece gli ha dato un nome di fantasia. L'importante è che il postino abbia un nome e degli amici!

Qui la versione di Apedario
Qui la versione di ScaffaleBasso

Il postino dei messaggi in bottiglia
Michelle Cuevas, Erin E. Stead
traduzione di Cristina Brambilla
Babalibri
2016
da 5 anni

giovedì 1 dicembre 2016

Campionato di lettura


Venti caselle misteriose, giochi, risposte azzardate, memorie spremute, urla di gioia e scatti di rabbia. Sono iniziate le sfide del campionato di lettura della Gestione Associata della Valle del Chiese!
Dopo la prima fase di presentazione è iniziata la vera sfida, dove i bambini e ragazzi si incontrano e si sfidano sui libri letti a suon di campanelli e di penne.


Agguerriti e determinati, ma prima di tutto contenti di partecipare, di giocare e soprattutto di fare squadra. 

martedì 29 novembre 2016

Biblioburro: Chi ha il coraggio?



Un molle lumacone, un rospo rugoso, un lesto millepiedi, un ragno, un ratto spelacchiato, un serpente a sonagli, un pipistrello irrequieto, un cinghiale irritato, un coccodrillo ambiguo e un piranha: eccoli qua, tutti insieme, i protagonisti di questo bestiario speciale per bambini. Ma individuarli non sarà tanto facile: il lumacone esce solo dopo un acquazzone, il millepiedi si nasconde tra gli arredi, il ragno è spesso in bagno e il ratto sta in un buio scantinato. Inoltre il serpente a sonagli è un pericolo imminente, nessuno vuole abbracciare un pipistrello, il cinghiale è spesso indignato e il coccodrillo diventa davvero un problema quando si sveglia, perciò chi avrà il coraggio di leggere questo libro fino alla fine?



Presto una recensione completa qui.

Chi ha il coraggio?
Silvia Borando
Minibombo
2016
da 2 anni

lunedì 28 novembre 2016

Biblioburro: 1...2...3...pecore!




Il metodo più famoso per far addormentare i bambini: contare le pecore! Chi non l'ha provato almeno una volta da bambino e poi magari l'ha fatto provare a sua volta? Funziona?
Con Marco, il piccolo protagonista di questa storia, funziona anche troppo! Perché quando inizia a contare, non arrivano solo le pecore, ma anche un coniglio, e poi dei maiali e persino... un lupo! Un lupo?

1...2...3... pecore!
Valerie Weishar Giuliani, Soufie Regani
La margherita
2016
da 3 anni

venerdì 25 novembre 2016

Biblioburro: Corri, Tempesta!



Nascere lo stesso giorno, anzi la stessa ora, di un cavallo segnerà il destino del bambino protagonista di questa storia: Jean-Philippe sarà certamente un fantino! A cinque anni, come da tradizione familiare, sale in sella per la prima volta ed offre subito un assaggio delle sue potenziali capacità; la sua carriera, e la sua vita, sembrano già avviate verso un futuro luminoso, ma una notte un incidente con una puledra impazzita per la paura rende paraplegico il bambino e lo inchioda per sempre ad una sedia a rotelle. Superati dolore e sgomento, Jean-Philippe si allenerà e avrà modo di gareggiare in sella a Tempesta, la stessa puledra che lo aveva ferito, e di vincere la sua gara più importante. 
La collana Tipitondi della casa editrice Tunué non sbaglia un colpo, raccontando storie che possono essere contemporaneamente divertenti, misteriose e persino commoventi, e mescolando parole ed illustrazioni in storie a fumetti che riescono ad emozionare. Le illustrazioni parlano (quasi) da sole: semplici ma potenti, riescono a trasmettere espressioni ed emozioni dei diversi protagonisti, anche attraverso l’utilizzo di colori caldi. Una storia indimenticabile ed una passione sincera sono gli ingredienti di questo graphic novel adatto a lettori a partire dagli otto anni di età, ma che entusiasmerà anche quelli più grandi, e persino gli adulti...

Per una recensione completa andate qui.

Corri, Tempesta!
Chris Donner, Jeremie Moreau
Traduzione Stefano Andrea Cresti
Tunuè editore
2016
da 8 anni

giovedì 24 novembre 2016

Biblioburro: Oliver e le isole vagabonde




Oliver è un bambino fortunato: i suoi genitori sono esploratori e hanno viaggiato per il mondo. Fin da piccolo li ha seguiti durante le loro avventure e non è mai andato a scuola ma ora, al compimento del suo decimo compleanno, i genitori hanno deciso di aver già esplorato tutto e di voler andare a vivere nella loro casa sul mare. Qui Oliver vivrà un'avventurosa esperienza insieme ad un albatros brontolone, una sirena un po’miope e un’isola vagabonda di nome Rocky. 
Una narrativa fresca e leggera per lettori autonomi a partire dagli 8 anni, con illustrazioni divertenti e di impatto, che unisce una trama originale a personaggi strampalati e surreali che aiutano Oliver nella sua missione e gli insegnano il valore dell’amicizia. 
Per una recensione completa andate qui.

Oliver e le isole vagabonde
Philip Reeve
Traduzione Laura Bortuluzzi
Il castoro
2016
da 8 anni

mercoledì 23 novembre 2016

Biblioburro: Disegnare nello spazio


Al di là dei confini del nostro mondo si giunge nello spazio. Il nostro universo contiene molti elementi, come i pianeti e i satelliti, il Sole e le stelle, la Via Lattea e altre galassie. Ma cosa sono i satelliti? E che differenza c’è tra un pianeta e un pianeta nano? Ma soprattutto, in che modo si può raccontare e spiegare come funziona lassù oltre le nuvole? Giocando! E riducendo l’immensità dello spazio infinito in una realtà a portata di mano.

Harriet Russell è una grafica e un’illustratrice inglese. Le sue pubblicazioni hanno la capacità di coinvolgere il lettore in modo completo e interattivo. Con intelligenza ed ironia riesce a spiegare concetti complicati rendendoli semplici e intuibili. Disegnare nello spazio è un libro gioco divulgativo.


Il libro presenta vari argomenti (dai buchi neri alle diverse caratteristiche dei pianeti, dalla conquista dello spazio a tutto, o quasi, ciò che vi è presente) che si sviluppano in due facciate con piccole didascalie tecniche, giochi ed illustrazioni da completare. Lo stile di Harriet Russell è pulito, mai banale, molto curato e sintetico. Un manuale adatto già a partire dai 5 anni, proprio per la semplicità con cui è scritto ed illustrato.

Disegnare nello spazio
Testo e illustrazioni Harriet Russell
Traduzione di Francesca Cantinotti
Corraini edizioni
2016
da 5 anni 

lunedì 21 novembre 2016

Biblioburro: Il grande libro dei treni



Dalla ferrovia Darlington-Stock costruita nel 1825 in Inghilterra, sulla quale è stato usato il primo treno a vapore, alla Ferrovia Transiberiana che collega Mosca con Vladivostok, in Siberia, e anche con Pechino, la più lunga ferrovia del mondo con i suoi 9.289 km: un libro che racconta i treni, il loro sviluppo e la loro importanza, con illustrazioni dal grande formato e un testo tecnico ed accurato ma che si legge come se fosse una storia.
Un bel regalo da fare a bambini curiosi ed appassionati di mezzi di trasporto!
Il libro può essere letto anche come libro-gioco; l'illustratore (lo stesso di questo libro) si è infatti divertito ad inserire in ogni pagina tre sorelle un po' strane, un cuoco e persino un cane! 

Il grande libro dei treni
Mattias De Leeuw e John Porter
Traduzione Matteo Gabbrielli
Sinnos
2016
da 7 anni

mercoledì 16 novembre 2016

Scrittorincittà



Al via oggi la XVIII edizione del festival Scrittorincittà con un ricco programma di appuntamenti. Quest'anno ci saremo anche noi!

sabato 12 novembre 2016

Storie d'inverno


Appuntamento domenica 13 novembre da Frizzi alle ore 16.00 per letture invernali, piccolo laboratorio e golosa merenda.
Vi aspettiamo!

venerdì 11 novembre 2016

Biblioburro: I dinosauri non fanno la nanna!



"E' pronto! A tavola!" chiama la mamma.
"Ma i dinosauri NON CENANO!" risponde Luca.
"Io penso, invece, siano sempre affamati!"
"Sì, ma non all'ora di cena. Loro mangiano dove e quando vogliono."











Un dinosauro e un bambino non sono la stessa cosa, Luca lo sa bene. La mamma ha delle idee decisamente strane, come mangiare all'ora di cena, fare il bagno, mettere il pigiama e dormire. I dinosauri mangiano quando vogliono, lottano, sono sempre sporchi e soprattutto non dormono MAI, non possono, i pericoli sono sempre in agguato. 



A volte però chiudono un occhio, ma solo per distrarre una preda o cogliere di sorpresa un nemico. E i baci? Mmmm...un dinosauro vuole un solo tipo di bacio, Luca lo sa bene, e anche la sua mamma.
Un albo con dialoghi spassosi, illustrazioni colorate e molto espressive che delineano in modo divertente il rapporto madre-figlio. Bellissimo da leggere ad alta voce!

I dinosauri non fanno la nanna!
Timothy Knapman, Nikki Dyson
La margherita
2016
da 5 anni 

mercoledì 9 novembre 2016

Mercoledì al cubo (22): Leo. Una storia di fantasmi




Leo è un fantasma casalingo che ha sempre vissuto da solo. Sa preparare merende speciali ed è molto bravo a disegnare, ma nessuno lo vede. Tranne Jane, che è la regina dei cavalieri della Tavola Rotonda e che ha molti amici immaginari. Leo e Jane diventano amici inseparabili: lei sa vederlo per com'è, lui sa aiutarla quando ne ha bisogno. 
Potere dell'amicizia e della fantasia dei bambini!
Una storia con pochi colori, azzurro, grigio e qualche tocco di bianco, che restituisce perfettamente la condizione di Leo e l'amicizia con la bambina.
Di Mac Barnett avevamo amato anche questo.

Parlare di amici immaginari si è rivelato più difficile del previsto... i bambini hanno fatto fatica a capire il concetto di amico immaginario. Pensavamo dipendesse dall'età (il nostro tester ha 4 anni e nonostante la fervida immaginazione ci ha guardate un po' di traverso). Allora abbiamo girato il quesito a bambini più grandi (6 anni) ed è andata un po' meglio. Solo un po' però, perché di immaginario c'è poco negli amici; i bambini si ritrovano tra di loro, si cercano e si vogliono bene... realmente.




Sarà che al giorno d'oggi i bambini non hanno più tempo di distrarsi? Scuola, amici (reali), sport, televisione... dov'è finito il tempo di pensare e di stare con se stessi? 














Però con gli stimoli giusti si sono aperti e hanno immaginato i loro amici.
Qui la penultima puntata del cubo.

La versione di Apedario
La versione di ScaffaleBasso

Leo. Una storia di fantasmi
Mac Barnett, Christian Robinson
Traduzione Giulia Rizzo
Terre di mezzo
2016
da 5 anni

martedì 8 novembre 2016

Biblioburro: Un pesciolino nella pancia




Uno degli argomenti più spinosi da affrontare con un bambino piccolo: "Come nascono i bambini?" brillantemente superato in un albo che mescola con equilibrio illustrazioni e parole. Un grande formato orizzontale, poche frasi che si ripetono con intonazioni diverse ed immagini semplici e delicate che raffigurano i corpi nudi di un uomo e di una donna, futuri genitori. Un balletto d'amore e di gioia tra i due protagonisti e ampi spazi bianchi per raccontare il mistero della vita, senza svelarlo troppo e troppo presto. 
Come dovrebbe sempre accadere con i lettori più piccoli.   

Di Magali Le Huche anche questo e questo.

Un pesciolino nella pancia
David Sire, Magali Le Huche
Traduzione Tommaso Gurrieri
Edizioni Clichy
2016
da 5 anni

lunedì 7 novembre 2016

Biblioburro: Benvenuto al circo!





"Apri bene gli occhi e le orecchie!
Prepara le manine e...
inizia lo spettacolo!"















Giocolieri, prestigiatori, clown, animali feroci, funamboli...non manca nessuno! Lo spettacolo del circo si apre con un rullare di tamburi e prosegue con una carrellata di artisti che divertono il pubblico con i loro spettacoli. E alla fine un elegante cavallo ringrazia tutti con un inchino.


il circo di Martine Perrin, è un'esplosione di colori, di suoni e di buffi personaggi. Un libro gioco che porta il bambino ad interagire con i personaggi, come schiacciare il naso al clown e ridere con lui, giocare a fare il mago o per i più coraggiosi provare a ruggire come la tigre. 


Un formato quadrato con pagine robuste e bordi arrotondati della collana Zerotre edita da Franco Cosimo Panini pensata proprio per i piccoli lettori.

Benvenuto al circo!
Martine Perrin
Franco Cosimo Panini
2016
da 3 anni

sabato 5 novembre 2016

Ottobre in 22 libri



Ritorna il mese dei libri! 

giovedì 3 novembre 2016

Premio Strega Ragazze e Ragazzi



Sono state rese note da pochi giorni le due cinquine finaliste della seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi. I libri candidati sono passati dai 55 della prima edizione agli 88 di quest'anno. Un aumento che fa ben sperare che la lettura possa diventare un virus sempre più contagioso!

Categoria 6-10 anni
Muschio, David Cirici, Il castoro
Quella peste di Sophie, Contessa di Ségur,Donzelli
Maionese, ketchup o latte di soia, Gaia Guasti, Camelozampa
Ulisse racconta, Mino Milani, Einaudi Ragazzi
Maciste in giardino, Guido Quarzo, Rizzoli

Categoria 11-15 anni
Ultimo venne il verme, Nicola Cinquetti, Bompiani
L’estate che conobbi il Che, Luigi Garlando, Rizzoli
Nove braccia spalancate, Benny Lindelauf, San Paolo edizioni
Il viaggio di Lea, Guia Risari, Einaudi Ragazzi
Smart, Kim Slater, Il castoro


I vincitori saranno declamati nell'ambito della Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna (3-6 aprile 2017).

mercoledì 2 novembre 2016

Biblioburro: Era un giorno qualsiasi





"Per tanti anni ho evitato di pensare alla mamma. Come se avessi paura di lei, o dei miei sensi di colpa. E' rimasta come uno spettro nella mia vita e in quella della mia famiglia. Una figura lontana, immateriale. Una presenza cara ma inquietante."











Il 12 agosto 1944 Alberto, dieci anni, disobbedisce all'ordine di sua madre di seguirlo e si nasconde nel bosco con un amico e il nonno. Sarà l'ultima volta che vedrà sua madre viva, ma sarà anche la sua salvezza. 
Inizia così il doloroso racconto dell'eccidio nazista di Sant'Anna di Stazzema da parte di uno dei pochi sopravvissuti, padre dell'autore del libro, che ritorna con la mente a quei terribili giorni in cui furono uccise 400 persone e lui, per puro caso, riuscì a salvarsi. 
In Italia la strage viene dimenticata fino al 2004 quando, grazie ad un magistrato tenace, si giunge al processo che individua i responsabili della strage.  

Era un giorno qualsiasi
Lorenzo Guadagnucci
Terre di mezzo
2016
da 14 anni

lunedì 31 ottobre 2016

Ottobre negli asili


Ricomincia anche l'attività con l'asilo...scuola materna...scuola dell'infanzia...tanti nomi ma la sostanza non cambia! Le maestre che sorridono, i bambini con i grembiulini colorati, le seggioline della biblioteca, le file "a due-a due". Il primo incontro del mese di ottobre lo abbiamo dedicato alla scuola (anche se la scuola è iniziata da un po'), per augurare ai bambini un bellissimo anno scolastico. Alcuni bambini li avevamo lasciati a giugno e li abbiamo ritrovati ad ottobre più grandi ma sempre golosi di storie e libri.


Anche quest'anno non manca il contavolte, per ricordare ai bambini quando e quante volte sono venuti in biblioteca ad ascoltare le storie. Abbiamo pensato ad un bellissimo puzzle (diverso per ogni asilo) che scopriranno solo a giugno, quando riceveranno tutte le tessere.


Visto che ai bambini (e alle insegnanti) non abbiamo dato lavori particolarmente impegnativi con il contavolte, abbiamo pensato di proporre degli spunti di attività utilizzando gli albi proposti.
Perciò, dopo aver letto Più sì che no la domanda è stata: quando dite sì? Quando dite no?

La scuola di Leo
Serge Bloch
edizioni Clichy
2016
da 4 anni

Più sì che no
Francesca Pardi, Gek Tessaro
Lo Stampatello 
2015
da 4 anni

venerdì 28 ottobre 2016

Gruppo lettura (dicembre): La vedova scalza



"Me lo portarono a casa un mattino di luglio, spoiolato e smembrato a colpi di scure come un maiale... Lo stesi sul tavolo di granito del cortile, quello che usavamo per le feste grandi, e lo lavai col getto della pompa... Pthù! Maledetti siano quelli che gli hanno squarciato il petto per strappargli il cuore con le mani e prenderlo a calci come una palla di stracci!"









Il terzo appuntamento del gruppo lettura è con "La vedova scalza" di Salvatore Niffoi. Una prosa che mette alla prova il lettore, così ci è stato anticipato da voci di corridoio! Si può dire che Niffoi mette tutta la sua terra nei libri che scrive, dall'uso del sardo alle descrizioni dei personaggi e delle loro emozioni. Una scelta voluta e cercata, non una provocazione per scacciare il lettore, ma un modo per "chiamare le cose con i nomi che hanno", renderle reali e per dar loro la giusta espressione.

La vedova scalza
Salvatore Niffoi
Adelphi

giovedì 27 ottobre 2016

Biblioburro: Laboratorio ad alto voltaggio



Nick e Tesla vengono temporaneamente affidati dai genitori allo zio Newt e già dal loro arrivo capiscono che quella non sarà una permanenza come tutte le altre. Lo zio infatti è un personaggio alquanto bizzarro che abita in una casa-laboratorio, non ha la minima idea di come "funzionino i bambini" e soprattutto ha la mente interamente occupata a inventare e progettare invenzioni di ogni tipo. E così i due gemelli si ritrovano a dover impegnare il loro tempo costruendo bottaglie-razzo. 


Ben presto però si ritrovano invischiati in un insolito mistero: in una casa apparentemente abbandonata vedono la sagoma di una bambina che mediante dei fogli lancia loro degli strani messaggi? Perché Nick e Tesla devono andarsene? E chi è Mr. Snugg?
Un giallo davvero originale quello di "Science Bob" Pflugfelder, insegnate di scuola elementare, che mescola avventura e scienza. All'interno del libro infatti, vengono proposti dei tutorial per costruire magneti, sensori, lanciarazzi e gatti robot, il tutto usando oggetti di uso comune.
Lo scoiattolo-robot lo vogliamo provare anche noi!

Laboratorio ad alto voltaggio
"Science Bob" Pflugfelder
illustrazioni di Steve Hockensmith
Editoriale Scienza
2016

da 10 anni