Pagine

Translate

lunedì 5 ottobre 2015

Biblioburro: Storie di quadri (a testa in giù)




Il professore di arte del liceo era preparato e competente nella sua materia; raccontava molte cose legate ai quadri che ci presentava, nozioni dettagliate e tecniche, ma non trasmetteva passione. Il suo modo di parlare era monotono e spento, il tono della voce sempre monocorde, mai un guizzo, mai una parola al di fuori di quanto riportato nel manuale scolastico. Certo, avere Bernard Friot come insegnante è forse pretendere troppo, ma richiedere che l'insegnante legga Friot prima di fare lezione dovrebbe essere imposto dal Ministero della Pubblica Istruzione. 
Un modo nuovo di fare arte, per insegnare a lasciarsi andare con l'immaginazione davanti alla bellezza di un quadro.
Una carrellata di storie per raccontare quadri o, viceversa, un museo immaginario di opere d'arte che raccontano brevi storie assurde, tristi, comiche, divertenti, in cui l'autore è un maestro, ma anche poesie, monologhi e testi episolari.

PS: La traduzione del libro è il prodotto del lavoro di alcune classi di un liceo bolognese dell'anno scolastico 2013-2014. Allora forse qualcuno ha cominciato ad utilizzare Friot a scuola!!? 

Storie di quadri (a testa in giù)
Bernard Friot
Il castoro
2015
pp. 128
da 11 anni

Nessun commento:

Posta un commento