Pagine

Translate

mercoledì 3 dicembre 2014

Mercoledì al cubo (2) : I giganti e le formiche


Per il secondo appuntamento con il Mercoledì al cubo insieme ad Antonella di Apedario e Maria di Scaffalebasso abbiamo scelto I giganti e la formiche di Cho Won Hee, una giovane artista coreana dalle grandi capacità illustrative e narrative, pubblicato dalla casa editrice romana Orecchio acerbo.
Un albo dal grande formato, due giganti esagerati, illustrazioni enormi e poche selezionatissime parole. 
Lui è un gigante grosso e muscoloso, che adora curare uccellini feriti e farli allenare al volo prima di lasciarli andare. Lei è altrettanto grossa e adora le formiche; potrebbe stare immobile per ore ad osservarle passare per timore di schiacciarle e quando, esausta, si addormenta, le formiche le restituiscono il favore ricoprendola interamente per non farle prendere freddo.



Un albo delicato e struggente, che smonta in modo intelligente pregiudizi e convinzioni secondo le quali "grande e grosso significa anche cattivo e violento", e che descrive, anzi illustra, in maniera eccelsa cosa significhi prendersi cura di qualcuno (che si tratti di un bambino, di un anziano, o di una formica non fa alcuna differenza). 
Immagini poetiche che evocano delicatezza e dolcezza, nonostante la quasi esagerazione dei corpi dei due protagonisti, dei loro colori accesi che spiccano davanti agli esili alberi. Le pose plastiche dell'uomo che sembra volersi mettere in mostra per mostrare i muscoli possenti e invece... tiene su di sé dei piccoli uccelli e con la stesse pose "rudi" spinge un'altalena per farli volare. Così la donna, che si muove con la grazia di una ballerina, che fa pensieri leggeri e puliti, nonostante la mole fisica. 
Il libro si è aggiudicato il terzo premio al CJ Festival 2009, una delle più importanti rassegne di tutto il panorama asiatico, attentissimo alle nuove forme espressive dei giovani talenti dell’illustrazione mondiale. Le immagini sembrerebbero dei raffinati acquarelli, con trasparenze e sovrapposizioni di colori che ben evidenziano profondità e pienezza delle forme, e invece scopriamo essere frutto della maestria del digitale. Brava davvero!


Abbiamo utilizzato I giganti e le formiche in un pomeriggio nel verde con un gruppo di bambini di età molto differente. La lettura ha suscitato silenzio e sguardi concentrati; i piccoli ascoltatori hanno osservato ogni minimo particolare delle immagini, hanno ascoltato ogni parola e si sono divertiti davanti alla donna gigante che si addormenta guardando le formiche. Siamo rimaste soddisfatte e felici, perché sono le stesse emozioni che abbiamo provato noi leggendolo per la prima volta. E poi la seconda, e la terza...

La versione di Apedario

La versione di Scaffalebasso

I giganti e le formiche
Cho Won Hee
Orecchio acerbo
2014
pp. 40
da 3 anni

Nessun commento:

Posta un commento