Pagine

Translate

mercoledì 26 novembre 2014

Biblioburro: Luna e la camera blu



Luna è una bambina molto timida, che parla poco e osserva tutto. Luna ama la calma. Luna ama la tranquillità. Luna ama stare nella sua camera e non si annoia mai. Luna si isola, non parla e non gioca con nessuno, non riesce ad integrarsi con il mondo. Perciò gli adulti si preoccupano, cercano spiegazioni, devono assolutamente sapere cosa non va in lei. Per sua fortuna c'è la nonna, che non le chiede nulla; la nipote le fa visita spesso, le piace stare in sua compagnia perché con lei diventa (così direbbero tutti) una bambina normale: parla, ride, si diverte. Di quelle visite Luna adora soprattutto il momento del riposino, quando la nonna la porta al piano superiore nella camera blu, quella con la tappezzeria speciale, dove la bambina si catapulta in un magico mondo e con l'aiuto di una matita rossa inizia la sua magica avventura. Dov'è finita la timida bambina che se ne sta sempre in disparte? Forse non se n'è mai andata, o forse, semplicemente, attraverso un sogno riusciamo a vivere con gli occhi di Luna, a guardarle dentro e a scoprire che in lei non c'è niente di sbagliato. 
Le magiche illustrazioni di Christine Davenier spalancano al bambino-lettore le porte della fantasia, permettendogli di ritrovarsi in quella bambina solitaria che non ha paura di nulla. Un testo dolce, che racconta con serenità uno stato emotivo bellissimo, quello della timidezza. In un mondo in cui, purtroppo, bisogna essere a tutti costi protagonisti, a volte ci si dimentica di come sono importanti e preziosi i propri sogni.

Luna e la camera blu
Magdalena Guirao Jullien 
Babalibri
2014
pp.40
da 4 anni

Nessun commento:

Posta un commento