Pagine

Translate

martedì 4 novembre 2014

Biblioburro: La zebra che correva troppo



"Zebra aveva due migliori amici, Elefante e Uccelletto Rosso. Erano tre migliori amici del cuore."











Elefante sa un sacco di cose interessanti, Uccelletto Rosso è così divertente che riesce a far ridere fino alle lacrime e Zebra conosce i giochi più spassosi ed è quello che corre più veloce dei tre. La sua inesauribile voglia di correre e la sua allegria fanno felici anche Elefante e Uccelletto Rosso. Ma non tutti i giorni sono uguali, a volte anche la felicità e i giochi possono essere fastidiosi. 


E così un giorno la troppa esuberanza d Zebra mette di cattivo umore Elefante e Uccelletto Rosso, che stufi di vederla sempre correre e sempre felice decidono di non esserle più amica. Zebra è molto triste, e la voglia di correre e di giocare la abbandona, finché non incontra Giraffa che, oltre ad offrirle delle foglie fresche per tirarsi su il morale, vuole giocare a correre con lei. E come corre veloce Giraffa, quasi più di Zebra!



Tutto fila liscio finché non arriva un brutto temporale...
Quante volte da bambini abbiamo perso la pazienza con i nostri "migliori amici" solo perché, all'improvviso, quello che prima ci faceva tanto ridere o divertire diventava insopportabile e magari anche motivo di gelosia. E' difficile fare l'amico, ancor di più il migliore amico. Sopportare, gioire, soffrire e soprattutto condividere sempre, anche i giorni "no". E' facile arrabbiarsi e girarsi dall'altra, ma alla fine il vero amico torna sempre indietro, perché alla fine abbiamo bisogno proprio di quella cosa lì, quello che rende così speciale quella persona, quello che noi non sappiamo fare così bene!

Jenni Desmond descrive il sentimento dell'amicizia attraverso il racconto di tre (poi quattro) animali molto diversi tra loro, per forma, specie, caratteristiche e carattere; proprio come siamo noi! Immagini che sprizzano simpatia e gioia che piacciono a grandi e piccini.

La zebra che correva troppo
Jenni Desmond
Lapis
2014
da 5 anni

Nessun commento:

Posta un commento