Pagine

Translate

venerdì 11 luglio 2014

Biblioburro: Mamma in fuga



"Papà è un accumulatore, mamma una buttatutto. Provate voi a vivere in una famiglia così. Vi assicuro che non è facile e la tensione sale spesso alle stelle."













Lisa, Silvia e papà sono dei disordinati senza speranza. O meglio, questo è quello che pensa la mamma, che stufa di dover riordinare ogni cosa e buttarne altre ormai inutili ad un certo punto decide di andarsene di casa, lasciando la sua famiglia nel caos più totale. 

" Vi starete dicendo che fine abbia fatto. Niente segreti fra noi. Me ne sono andata per un po'. Quanto? Dipende...
In mezzo a quel disastro che è casa nostra non riuscivo più a vivere. Una cosa è essere disordinati, un'altra è accumulare milioni di oggetti inutili e passare tutto il tempo a cercare uno stile.
Vi dico cosa fare per riavermi indietro: buttate almeno cento oggetti inutili e chissà, un giorno forse io riapparirò... E se vi sembra molto brutto quello che ho fatto provate ad immaginare che vita schifosa sia la mia. Sono costretta a camminare sempre a testa bassa stando attenta a non inciampare..."

La storia ricorda vagamente Il maialibro di Anthony Browne, dove papà e figli si trasformavano in maiali dal tanto erano incapaci di gestirsi senza mamma. Anche in Mamma in fuga il lieto fine avrà la meglio, ma di sicuro la lezione sarà servita!

Mamma in fuga
Arianna Di Genova
Biancoenero
2014
pp.61
da 8 anni 

Nessun commento:

Posta un commento