Pagine

Translate

venerdì 4 luglio 2014

Biblioburro: Sammy Sparaballe




"Sammy Davis abitava a Sunflowers, la città dei girasoli. Se mai aveste fatto un giro in quella città del sud dell'Inghilterra vi sareste accorti che tutto intorno all'abitato non c'era altro che campi e campi di quei meravigliosi fiori gialli. 
E che ci faceva Sammy Davis a Sunflowers?
Diceva bugie.
Sempre.
Sammy Davis era un bugiardo nato."









E' più forte di lui: a dire la verità Sammy proprio non ce la fa. Ogni occasione è buona per dire bugie, di ogni tipo, colossali bugie che non stanno in piedi. Ne dice talmente tante che alla fine il suo nome diventa Sammy Sparaballe. Ma a dire le bugie, si sa, prima o poi ci si mette nei guai e così succede pure a Sammy, che per sfuggire alla banda di bulli della scuola si inventa l'ennesima plateale bugia: un cugino karateka alto più di due metri disposto a proteggerlo per sempre. Funziona giusto per un giorno, ma come fare a sfuggire a Tommy Leggins anche il giorno seguente? Per Sammy l'unica soluzione possibile è quella di affidarsi alle stelle cadenti e così esprime il suo desiderio: che tutte le sue bugie si avverino. Detto e fatto! Il giorno seguente a scuola si presenta Mike, karateka alto più di due metri. Ma dopo Mike arriva anche Martin, uno struzzo con piedi umani scappato da un laboratorio... e non possono di certo mancare anche dei roditori alieni... e un papà formato tascabile...
Per Sammy dire bugie non sarà più così divertente, soprattutto se di mezzo c'è anche la festa di compleanno di Bet, la sua migliore (e unica) amica.
Nicola Brunialti ha un trascorso da pubblicitario, un passato importante (addirittura pronipote di Alessandro Manzoni), un presente radiofonico e come scrittore per ragazzi ha già collezionato premi importanti come il concorso "Critici in erba".  Le illustrazioni briose e fresche di AntonGionata Ferrari danno vita alle frottole di Sammy ancor meglio delle stelle cadenti!

Sammy Sparaballe
Nicola Brunialti, AntonGionata Ferrari
Lapis
2014
pp. 243
da 9 anni

Nessun commento:

Posta un commento