Pagine

Translate

mercoledì 13 novembre 2013

Consigli da chi se ne intende...e non siamo noi



I libri che leggiamo ci arrivano in pacchi più o meno voluminosi; abbiamo già detto e mostrato qui come si comportano le Pollicine davanti ad un nuovo arrivo di libri. Leggerli è la parte del nostro lavoro che amiamo maggiormente: scopriamo ogni volta autori che ci emozionano, illustratori che sanno trasmettere alla perfezione il significato delle parole (o viceversa è il testo a rendere magicamente le immagini?), editori che confermano l’opinione che di loro ci siamo fatte. Ogni volta è come se fosse la prima volta. Poi magari ci divertiamo a fare i confronti con i libri precedenti dello stesso editore, oppure ad analizzare il lavoro degli stessi autori/illustratori eseguito per editori diversi. Abbiamo imparato a riconoscerli dalla copertina, dalla stampa, dalla grafica… nel tempo gli editori sono aumentati notevolmente e, ad oggi, il nostro “parco editori” è davvero strabiliante. Qualcosa di cui essere orgogliose, senza averne alcun merito. O forse uno piccolo sì: saperli riconoscere, quando li incontriamo o quando loro chiamano noi (è capitato pure questo, davvero!).
E poi capita che esperti del settore, blogger professioniste, libraie appassionate riferiscano di utilizzare (quasi) gli stessi libri, o meglio di riconoscere ed amare gli stessi libri, in misura diversa e con modalità soggettive, ma gli stessi bellissimi albi illustrati.
A voi, carissime bibliotecarie e bibliotecari, ritrovarli qui dentro e scoprire quanti (quanti!!?) ve ne abbiamo presentati fino ad ora.
Ci rivediamo presto, con quelli che ancora non vi abbiamo mostrato... siete pronti?

Immagine tratta da Sorpresa!, Isol, Logos, 2012

Nessun commento:

Posta un commento