Pagine

Translate

venerdì 9 agosto 2013

Una serata emozionante


Una sedia di legno, delle carte da gioco, un vestitino nero e tre pallottole. Queste poche cose ci sono servite per presentare il libro "Il nazista e la bambina" di Liliana Manfredi. 
La serata si è tenuta a Bagolino domenica 4 agosto, all'interno di una splendida "cort", con archi in pietra che facevano da scenografia e creavano un'intimità speciale. 

La serata si è aperta con la lettura della canzone "L'unica superstite" dei Modena City Ramblers, dedicata proprio alla strage della Betola avvenuta il 24 giugno 1944 in cui morirono 32 civili.
Con tanta emozione abbiamo letto alcune parti del libro, alla presenza di un pubblico attento e soprattutto dell'unica superstite della strage, Liliana che seguiva le letture con gli occhi lucidi. Ad accompagnare i testi c'era Davide Bonetti, un bravissimo fisarmonicista che ha saputo incantare, stupire e rilassare con brani e improvvisazioni.




La serata è stata organizzata dall'associazione culturale Habitar in sta terra di Bagolino, che dal 1990 si propone di sensibilizzare e mantenere vive tradizioni e costumi locali. 
Per noi è stata una serata speciale, perché siamo riuscite a trasmettere le emozioni intense del libro, abbiamo conosciuto una donna forte e coraggiosa che porta nel cuore ferite dolorose ma non smette di parlarne perché è la cosa giusta da fare. 


Un grazie a chi ci ha aiutato a rendere perfetta questa serata.

Nessun commento:

Posta un commento