Pagine

Translate

venerdì 29 marzo 2013

Bologna Children's Book Fair



Mezzo secolo ma portato egregiamente! La fiera del libro per ragazzi di Bologna spegne le sue 50 candeline senza perdere i colpi!
Ci siamo tornate! Quest'anno ci siamo tornate, ma è stato molto diverso. Lo scorso anno eravamo semplici visitatrici, curiose ed interessate a scoprire editori ed autori, libri e novità. Quest'anno ci siamo andate organizzate: due trolley, appuntamenti stabiliti da giorni con gli editori, libri preordinati da ritirare...
E' stato bellissimo guardare gli stand con occhi diversi, più curiosi e attenti a tutti i libri esposti. Stringere la mano alle persone che sentiamo da mesi via email, con le quali abbiamo instaurato rapporti professionali di fiducia. E' una fiera immensa, è impossibile andarci impreparati! 

E' bello vedere il fermento che c'è, le aspettative e il coraggio dei giovani illustratori che propongono i loro lavori, editori che concludono affari seduti ai tavolini degli stand, gente al di fuori del mondo dell'editoria che si perde piacevolmente tra i corridoi chiedendo e sperando di poter acquistare un libro.
Ma non è solo lo spazio dedicato alla fiera che celebra questo evento, per quattro giorni Bologna diventa la città dei ragazzi, con numerose iniziative ed eventi che si snocciolano per il centro.
Quest'anno la fiera aveva come ospite d'onore la Svezia, che ha presentato una mostra sull’illustrazione contemporanea svedese oltre ad un ampio programma di incontri incentrati sul diritto dei ragazzi alla cultura.
Bella, bellissima anche la mostra dedicata agli illustratori, preventivamente selezionati. Uno lo conosciamo anche noi! Richolly Rosazza ha partecipato al corso "Progettare libri" dei Topipittori, l'abbiamo trovato "appeso" lì a Bologna!



Tantissime le novità librarie. Alcune siamo riuscite a metterle in valigia subito, per altre ahinoi... dobbiamo pazientemente aspettare i tempi tecnici prima di averle tra le mani. 
E' stata una giornata lunga ma produttiva e siamo uscite non solo con due valigie piene di libri, cataloghi e nuovi contatti, ma anche con la consapevolezza di essere cresciute un po' di più, di essere entrate a far parte di un mondo meraviglioso, dove le sorprese non finiscono mai, le persone mettono il cuore in quello che fanno, ci stringono la mano e ci ringraziano per quello che stiamo facendo. Sentirsi dire dai "grandi" che le piccole collaborazioni (cioè la nostra) sono quelle che davvero contano, perché è dalle piccole azioni che nascono e maturano le cose grandi, ci ha riempito di orgoglio!
Parleremo dei nuovi libri nei prossimi biblioburro, li presenteremo e li useremo con i bambini, pensando ancora una volta quanto lavoro c'è dietro un semplice (ma lo è davvero?) libro per bambini.
Grazie Bologna!! Anche quest'anno ci hai emozionate e riempite di cose belle! 

Nessun commento:

Posta un commento