Pagine

Translate

venerdì 21 settembre 2012

Una buonanotte in biblioteca


L'iniziativa è partita qualche anno fa, ed è stata tutta inventata da E.P. che di libri e di letture se ne intende davvero. In pratica, sdoganando l'idea obsoleta che la biblioteca sia un luogo chiuso e polveroso, la Betta propone di dormirci dentro, senza bibliotecario/a, in compagnia di 25 bambini, con un sacco a pelo, un cuscino, tante storie ed una lanterna colorata ad illuminare il tutto. L'idea piace così tanto che, detto fatto, le biblioteche della Valle del Chiese si organizzano e decidono di aderire. Alle Pollicine il compito di "affiancarla" durante il progetto, aiutandola a seguire i cuccioli soprattutto durante la notte (che èèèèè luuuunga, credete a noi!).
La proposta viene ripetuta identica per due anni consecutivi; quest'anno la formula è stata rivista. La Betta farà il laboratorio, le Pollicine racconteranno le storie...ed allora ecco che le due partono con mille e poi mille idee, ne parlano, discutono, sorridono, finchè un mattino, da uno dei libri scelti, esce l'idea. Perchè è davvero così; uno ci pensa e ci ripensa, ma alla fine l'idea è già lì, dentro il libro, basta saperla ascoltare.
Non stiamo ad anticiparvi nulla, o forse sì? Poco poco? Una lanterna colorata a farci compagnia, una lunghissima storia che parla della luna, di un paese al buio e di un cielo tutto nero, un telo nero che assomiglia davvero a quel cielo, tre omini colorati che rubano la luna ma che poi si pentono... insomma una notte in biblioteca! Di venerdì, in tre biblioteche diverse; dunque fatevi il conto, le Pollicine dormiranno (?) per tre venerdì consecutivi in biblioteca con 75 bambini diversi... a partire da questa notte...
Ah, beh, certo, la colazione in biblioteca ha tutto un altro sapore...
NB: Al termine dell'iniziativa posteremo un "the best of" di tutte le immagini raccolte durante le faticose biblio-nottate...seguiteci!

2 commenti:

  1. Un'esperienza meravigliosa... Quindi oggi borse sotto gli occhi e una carica fantastica per nuovi progetti, vero? Che dire? Il solito BRAVE sembra stia diventando un po' monotono... Potrei dire CONTINUATE COSI'.... A presto Lara

    RispondiElimina
  2. Sabato mattina ero curiosa di sapere come fosse andata l'esperienza a Pieve di Bono e quindi ho "interrogato" alcuni bambini... l'entusiasmo era alle stelle! Bravissime tutte!!! Riproponetelo!
    (E poi Pieve di Bono mi fa venir in mente la mia Graziella preferita!)

    RispondiElimina