Pagine

Translate

lunedì 18 giugno 2018

Biblioburro: La povertà e la fame



Cos’è la povertà? Perché la gente soffre la fame? Ci sono domande a cui è davvero difficile rispondere, soprattutto se a porle sono i bambini. In che modo si può raccontare e spiegare cosa sta succedendo nel mondo?
La collana Bambini nel mondo edita dalla casa editrice EDT Giralangolo propone quattro albi illustrati divulgativi per spiegare con semplicità tematiche importanti ed attuali come l’immigrazione, le guerre, la povertà e il razzismo. Albi sinceri, senza filtri, in cui gli argomenti vengono approfonditi senza cercare inutili giri di parole per ovviare argomentazioni “poco da bambino”. Albi che raccontano la realtà non solo con un testo schietto ma anche con le immagini: Hanane Kai, illustratrice libanese Vincitore del Bologna Ragazzi Award 2016, crea immagini dal forte impatto emotivo, con colori spenti e persone tristi perché così sono la povertà, la fame e la guerra. Il testo è introdotto da un sommario per aiutare l’adulto e il bambino ad orientarsi tra le pagine. Alla fine si trova un glossario e la possibilità di approfondire gli argomenti trattati attraverso siti web e pubblicazioni. Tutti e quattro gli albi sono scritti da Louis Spilsbury e illustrati da Hanane Kay.
Qui una recensione completa.

La povertà e la fame
Testo di Louise Spilsbury
Illustrazioni di Hanane Kai
Traduzione di Anselmo Roveda
EDT Giralangolo
2018
da 6 anni

venerdì 15 giugno 2018

Biblioburro: La vera storia di Esther la super maialina





 Due giovani uomini adottano una maialina convinti che si tratti di un porcellino d’India e la portano a casa, a vivere con loro insieme a due cani e a due gatti. Ma Esther cresce molto ed in fretta e la convivenza, sebbene amorosa e felice, si rivela anche notevolmente complicata. Quando raggiunge i tre quintali di peso non sanno più dove farla dormire, dove lavarla, senza contare che in giardino mangia fiori e bulbi e che crea scompiglio persino nel laghetto dei pesci! Serve una soluzione che possa andare bene per tutti ed ecco allora che i due papà si trasferiscono in una casa molto grande dove c’è spazio finalmente per tutti.





Un albo illustrato per parlare di famiglia e di adozione con parole semplici e per dire che in fondo le famiglie sono di tutte le forme e le dimensioni. Le illustrazioni colorate e divertenti descrivono in modo simpatico le avventure dei due giovani e dei loro “figli” animali.
Esther è una maialina che esiste davvero e vera è anche la sua storia e quella dei due papà che l’hanno adottata. I due autori sono due degli attivisti animali più conosciuti ed affermati e vivono in Ontario, dove hanno fondato nel 2014 il rifugio Happy Ever Farm Sanctuary ed hanno anche un sito internet sul quale si possono seguire, www.estherthewonderpig.com. Questo albo illustrato per più piccoli è stato tratto dal libro in cui hanno raccontato la storia di Esther, diventato best seller “New York Times”.
Qui una recensione completa.


La vera storia di Esther la super maialina
Testo di Steve Jenkins, Derek Walter e Caprice Crane
Illustrazioni di Cori Doerrfeld
Traduzione di Maria Teresa Sirna
Sonda editore
2018
da 4 anni

mercoledì 13 giugno 2018

Mercoledì al cubo (36): Uno come Antonio



"Antonio è molto più di quel che sembra.
Certo, a vederlo così, senza niente intorno,
è un bambino e basta."













Antonio è un bambino. Ma quante cose può essere un bambino? Dipende dai punti di vista....per mamma e papà Antonio è figlio e perciò può essere stanco oppure capriccioso; per la nonna e la zia è nipote, ma non è la stessa cosa: con la nonna Antonio può prendere i mostri in edicola, invece con la zia deve scappare sotto il tavolo per non farsi baciare.

Cosa fate di speciale con la nonna, con gli zii, con papà e mamma e con l'insegnante? 


Con il nonno e gli zii si può andare in montagna
con i genitori litigare su cose sciocche e con 
l'insegnante se sei bravo ti dà un bel voto.

Con i nonni si può andare a fare le gite
con le zie si possono leggere libri della biblioteca,
con i genitori si può andare in giro e
con gli insegnanti si può imparare tanto.

Con i nonni si fanno passeggiate e si mangia 
pane e Nutella, dagli zii si può giocare son
la palla rimbalzosa, con il papà e la mamma
si prepara la tavola e con il maestro
si può lavorare sul corsivo.




Con i cugini Antonio diventa anche lui cugino e per fortuna ci sono loro, così insieme possono giocare a pallone; per Martino è fratello e... pallonate!


E per il migliore amico chi è Antonio? Un ospite, quando va a casa sua; oppure un essere invisibile quando giocano a nascondino.




Come deve essere un migliore amico?


Il migliore amico è quella persona su cui puoi 
sempre fare affidamento, deve essere
una persona con cui si può discutere e che 
sappia essere sia razionale che istintivo a
seconda dell'occasione.

Un migliore amico è una spalla su cui piangere,
deve essere simpatico e generoso inoltre
deve studiare e giocare con me.

Un migliore amico è un amico
che vuole giocare sempre con me e
che mi aiuta, deve essere gentile e altruista.

Ci rivediamo in autunno!
Qui 
la versione di ApeDario
Qui la versione di Scaffalebasso


Uno come Antonio
Susanna Mattiangeli, Mariachiara Di Giorgio
Il castoro
2018
da 5 anni

lunedì 11 giugno 2018

Gruppo Lettura (Giugno): Due





Si baciavano. Erano giovani. I baci nascono in modo così naturale sulle labbra di una ragazza di vent'anni! Non è amore, è un gioco; non si insegue la felicità, ma un attimo di piacere. Il cuore non desidera ancora niente: è stato colmato d'amore durante l'infanzia, saziato di affetto. Che taccia, adesso. Che dorma! Che lo si dimentichi!








Il percorso annuale con il Gruppo di Lettura si conclude con Due, romanzo ambientato a Parigi negli anni immediatamente successivi alla fine della Grande Guerra, scritto da Irene Nemirovsky, morta ad Auschwitz nel 1943.
Ci saluteremo con i confetti per un'occasione speciale e con una mini bibliografia estiva, di cui poi parleremo durante il primo incontro del prossimo anno, in ottobre.
Buone letture a tutti!

Due
Irene Nemirovsky
Traduzione Laura Frausin Guarino
Adelphi
2010 (ristampa)