Pagine

Translate

lunedì 27 aprile 2015

Biblioburro 390° ep.




Quante volte anche da adulti utilizziamo la frase “Sono arrivato in ritardo perché…” per motivare il ritardo sul lavoro, ad un appuntamento, a casa, ad una festa…  e non sempre le motivazioni offerte sono reali. In questo caso, però, i due autori riescono ad inventarsi delle scuse a dir poco… pazzesche! O meglio, è il bambino protagonista della storia ad offrirne di veramente strane per giustificare il suo ritardo (l’ennesimo!) a scuola: “Le formiche giganti hanno mangiato la mia colazione… Un enorme gorilla ha scambiato il bus della scuola per una banana… Sono precipitato in una palude dove ho dovuto vedermela con uno strano blob…” anche se alla fine la maestra non crederà a nulla di quanto ascoltato.
Ad un anno di distanza dal libro Non ho fatto i compiti perché…, Davide Calì e Benjamin Chaud tornano con un’altra storia divertente e spassosa, a cui pare farà seguito anche una terza uscita. Illustrazioni colorate a tutta pagina che fanno divertire il lettore e testo ironico scritto in basso in una perfetta consonanza tra parole ed immagini che aumenta il senso dell’azione e del ritmo della storia.
Un libro per aumentare l’abilità nel raccontare, nel disegnare e, soprattutto, nel sognare. Fondamentale lettura per lo studente che avesse bisogno di alcuni strabilianti suggerimenti nei momenti di difficoltà, ma altrettanto divertente per un genitore che potrà ricordare di essere stato, un tempo, un alunno ritardatario e/o per un insegnante che potrà iniziare (magari!) una lezione leggendone alcune pagine.

Sono arrivato in ritardo perché...
Davide Calì, Benjamin Chaud
Rizzoli
2015
pp.40
da 5 anni

venerdì 24 aprile 2015

Biblioburro 389° ep.





"... Le è proibito in modo tassativo portare in casa nostra qualunque esemplare del libro Alice nel Paese delle meraviglie. Se lo farà, sarà automaticamente licenziata."












Una giovane istitutrice francese un po' pasticciona viene assunta da una prestigiosa coppia di americani per la figlia Alice. Requisito fondamentale: non parlare, non leggere, non rispondere a domande sul libro Alice nel Paese delle meraviglie, pena il licenziamento immediato. La giovane Eugène avrà il suo bel daffare, dato che in città sta per arrivare l'oramai anziana Alice Liddell, colei che ispirò Carroll per la figura di Alice, per mantenere il segreto e dunque il suo posto di lavoro.
Una lettura divertente anche per quei lettori che ripetono spesso "A me leggere non piace!". 
NB: Da scoprire il linguaggio segreto tra Alice e l'eccentrico zio Stilt!

Vietato leggere Lewis Carroll
Diego Arboleda, Raul Sagospe
Lapis
2015
pp. 205
da 9 anni

giovedì 23 aprile 2015

Giornata mondiale del libro


(R)esiste dal 1996 e si celebra ooovunque la Giornata Mondiale UNESCO del Libro e del Diritto d’Autore. Non ricordiamo la triste posizione che detiene l'Italia nella classifica dei lettori... vogliamo essere positive e felici, perché facciamo il lavoro più bello del mondo! Quello di vivere immerse nelle parole e nelle avventure dei libri. 



Il libro è bello perché:
- è un buon passatempo;
- è sempre alla moda;
- si adatta ad ogni situazione;
- se non sai cosa dire, puoi usarlo come alibi;
- è utile argomento di conversazione;
- solo nei libri gli animali parlano davvero;
- sta ovunque (anche nelle pochette, meglio di un paio di décolleté)
- ti fa viaggiare;
- ti fa fare colpo;
- incanta;
- riempie in modo armonico la libreria;
- un po' meno il comodino;
- ognuno ne porta nel cuore (almeno) uno.


Buon world book day a tutti!

mercoledì 22 aprile 2015

Biblioburro 388° ep.



Ci sono libri che si prestano a letture diverse e che sembrano fatti apposta per catturare l'attenzione anche di quei bambini un po' distratti, persi a fantasticare nel loro mondo. La grande traversata è proprio uno di quei libri. Ogni anno gli uccelli partono ma per Beccorosso si tratta della prima volta; dovrà volare fino dall'Altra Parte. E mentre si segue il viaggio dell'uccellino, con l'aiuto di una lente magica si potranno scoprire moltissimi dettagli nascosti dietro le illustrazioni rosse. 
Un formato verticale molto ampio, un breve testo in alto ed illustrazioni a tutta pagina ricchissime di dettagli sia nella lettura "classica" sia in quella magica con la lente. 

La grande traversata
Agathe Demois, Vincent Godeau
L'ippocampo
2014
pp. 32
da 4 anni