Translate

venerdì 24 ottobre 2014

Biblioburro 298° ep.



Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.
Io non ho assolutamente paura del buio.

Uffa! Ma chi vogliamo prendere in giro?!?







Ettore vorrebbe essere un bambino coraggioso, ma la verità è che ha paura di tutto, tra cui: vespe, biciclette, palloncini, ragni, cantine, maestra, armadi...ma ciò che più lo spaventa è il buio.
Ha provato di tutto (perfino a mangiare le carote e ad organizzare cortei di protesta) ma niente da fare, ogni sera Buio arriva e lo spaventa.
E allora la soluzione possibile è una sola: prendere (davvero) coraggio ed affrontarlo una volta per tutte! E Buio arriva davvero, goffo ed enorme entra dall'abbaino di Ettore e le porge la mano. Ed insieme, Buio e Ettore se ne vanno in giro nella notte, a scoprire da vengono tutti gli strani rumori che si sentono, e dove si nascondono i terribili mostri...


E mentre la notte se ne va e Buio piano piano si affievolisce, Ettore comincia ad avere fiducia in se stesso e soprattutto a non avere più paura. Da quella notte Buio e Ettore diventano amici, promettendosi di rivedersi ogni notte, per stare insieme al sicuro.

Ettore e il buio
Emma Yarlett
La Margherita
2014
da 4 anni

giovedì 23 ottobre 2014

Biblioburro 297° ep.



"La stanza era rischiarata dalle luce tremolante di dodici candele, che spuntavano dritte e delicate da un enorme candelabro di cristallo, appoggiato su un piccolo tavolo di legno. Con le gambe incrociate, adagiata su un grande cuscino verde che occupava tutta la sedia, Biancaneve stava chattando con la sua amica Cindy..."











Una Biancaneve decisamente moderna quella che viene raccontata da Monica Marelli. Mantenendo l'impostazione della fiaba classica (con tanto di matrigna, sette nani e principe) Biancaneve si destreggia in un mondo a metà tra il fatato e il contemporaneo. E così viene avvertita delle intenzioni della perfida matrigna tramite una misteriosa email, scappa nel bosco con il suo fedele smartphone e quando incontra i sette nani, questi stanno sì tornando dalla miniera, ma invece di diamanti estraggono silicio (preziosissimo per tutto ciò che è tecnologico!). Non manca nulla in questa nuova e curiosa rivisitazione: c'è lo specchio magico (che ricorda più un tablet), la mela della matrigna è sostituita da una cosa ben più curiosa (un invito ad un flash mob), e il principe...a voi scoprirlo!

Un libro ben strutturato, per tutti quelli che cominciano ad avere a che fare con il mondo del web, o per chi certe cose proprio non riesce a capirle, perché tutti i termini tecnologici sono scritti in grassetto e poi spiegati in colorati riquadri.

Qui potete divertirvi ad ascoltare l'autrice che legge un estratto del libro.

Hanno taggato Biancaneve
Monica Marelli, Caterina Giorgetti
Editoriale Scienza
2014
73 pag.
da 8 anni  

mercoledì 22 ottobre 2014

Biblioburro 296° ep.



Nella mia famiglia, siamo abbastanza originali...
Mamma
Henri
Marius
Léonor
...e soprattutto papà.
Ha costruito una casa eccezionale e delle macchine straordinarie: il lavandino che lecca i piatti, la cucina che prepara gli involtini, il frigorifero che fa la spesa e...










...una super lavatrice che raccoglie i calzini non proprio puliti sparsi per casa. Questa è decisamente l'invenzione di cui il papà di Marius va più fiero. Almeno fino a quando questo buffo elettrodomestico lo fa cadere dalle scale e lo costringe a letto per due mesi con i piedi rotti.
Papà decide, una volta guarito, di liberarsi della lavatrice...ma quando si riprende a ben altro a cui pensare! Tutti i calzini,infatti, sono spariti! Chi sarà il colpevole? Marius e i fratelli decidono di indagare, in modo molto creativo. In fondo, sono i figli di un geniale inventore!!
Una storia divertente che si tinge di giallo, con illustrazioni che sembrano danzare sulle pagine, create mescolando collage e vivaci colori e che dipingono una stravagante famiglia unita e molto collaborativa!

Il ladro di calzini
Marie Paruit
Edizioni Clichy
2013
da 5 anni

lunedì 20 ottobre 2014

Biblioburro 295° ep.



"Millenovecentocinquantaquattro. Mica un anno qualsiasi. Potremmo ricordarci tante cose di quell'anno, ma limitiamoci a due: Joe di Maggio sposa Marilyn Monroe, l'attrice più famosa del mondo, e il signor Rivosecchi compra una splendida Topolino Fiat di seconda mano."









Il 4 maggio 1954, sul giornale Libertà si poteva leggere: «...A Padova, in Piazza Savonarola, una Topolino recante il numero 60 si è sfasciata in un fossato. Venivano trovati a bordo, feriti, due ragazzi: si è accertato che non partecipavano alla gara. Si trattava infatti di due minorenni di 14 e 15 anni che, incollato un numero sulla vettura del padre, si erano clandestinamente inseriti fra i concorrenti, compiendo il tragitto fino a Padova a oltre 90 km di media».
Luigi e Giovannino, detto Nino, sono due fratelli appassionati di motori e automobili che spesso prendono "in prestito" la Topolino del padre (che tiene come fosse un tesoro) per fare delle gare clandestine. Quando sentono alla radio la notizia che la Mille Miglia, la gara automobilistica più famosa passerà proprio vicino a casa loro i due non sanno resistere: devono a tutti i costi partecipare! Anche perché in ballo c'è anche Olimpia...e fare bella figura è fondamentale...

Tratto da una storia vera, "Una Topolino alle Mille Miglia" racconta con un testo appassionante decisamente ritmato una bella avventura, un po' pazza ma con un finale sorprendente.
Edoardo Erba, drammaturgo e regista italiano scrive un bel racconto per bambini, mentre Desiderio crea delle illustrazioni colorate e ricche di emozioni.

Una Topolino alle Mille Miglia
Edoardo Erba, desiderio
Gallucci (collana Baby UAU)
2014
107 pag.
da 8 anni