Pagine

Translate

venerdì 3 luglio 2015

Biblioburro: Commentarii de Inepto Puero


"Ut verum dicam, unum tantum suasit me ut scribam hic intus: cum equidem dives et celebratus ero, res maioris momenti habebo faciendas quam hominum rogatiunculas universum diem respondere. Qua de re hic libellus haud inutilis erit."














La traduttrice chiede umilmente perdono in anticipo per eventuali errori presenti nella recensione!

Pollicinae ieciunt mihi arduam provocationem: scribere de "Commentarii de inepto puero" IN LATINUM!
Praescriptio: percepi diplomatem in remotum 1994 d.C.


Magna fuit mea laetitia et ingens meus stupor postquam legaveram sic recentem librum scriptum fuit in ita aeternum sermone! Res ita est: Gallagher convertit librum plenum vigoris in lingua fabulosa, redigendum Gregorium Magnum!
Quamodo intellegere hoc librum? Non omnes nosciunt latinum! Nullum problema: satis est legere ante/ inter/ post italica translationem ;-)
Pueri potunt capere consilia ut nova verba comminiscere, aut iacere provocationes ob privatum lexicum creare, et quidni?, novas insultationes generare!


Greg invictus est, etiam latine, et pueri possunt discere quoque italicam sermonem, et possuntscribere aliquot sententias in eorum commentaris! 
Omnia dici possunt latine!
Felix delectatio!


Per chi (come una delle due Pollicine) non ha capito nulla, riportiamo la traduzione. Che è stata fatta dalla stessa persona che ha rispolverato il grosso vocabolario di latino con la copertina marrone. Contributo gentilmente offerto da Marta. Grazie! 

Le Pollicine mi hanno lanciato un'ardua sfida: scrivere a proposito de "Commentarii de inepto puero" IN LATINO!
Premessa: ho ottenuto il diploma nel lontano 1994!
La mia gioia e il mio stupore sono stati grandi, dopo che ho letto che un libro così "moderno" è stato riscritto in una lingua così immortale! 
Le cose stanno così: Gallagher ha tradotto un libro pieno di vitalità in una lingua mitica, rendendo Greg Magno!
Ma in che modo capire questo libro? Non tutti conoscono il latino! Nessun problema: è sufficiente leggere prima/ durante/ dopo la versione italiana!

I ragazzi possono prendere spunti per inventare nuove parole, oppure lanciare sfide per creare un proprio dizionario e, perché no?, inventare anche nuovi insulti!
Greg è insuperabile, anche in latino, e i ragazzi possono imparare anche la lingua italiana e scrivere qualche frase nei loro diari personali!

Buon divertimento!

Commentaii de Inepto Puero
Jeff Kinney
traduzione Daniel Gallagher
Il Castoro
2015
da 13 anni

giovedì 2 luglio 2015

Biblioburro: La fattoria degli animali fantastici


Sta succedendo 
qualcosa di insolito
nel bosco di Reptil Chase.
E George
lo scoprirà presto...












George ci tiene a specificare che il suo nome non ha nulla a che fare con quel Santo che ha sconfitto il drago centinaia di anni fa. E dopo che arriva a Wormery Farm in cerca di lavoro e conosce tutte le strane e bizzarre creature che la popolano George diventa addirittura un difensore di draghi, anzi, del drago, l'ultimo rimasto in vita. Ma si occuperà anche di dare da mangiare a Mordicoda (cosa non facile con un uroboro), di Donal e Jemina, due anatre un po' troppo cresciute e soprattutto dell'ittiosauro.
Wormery Farm è una fattoria speciale, che va aiutata, preservata e soprattutto tenuta nascosta da occhi indiscreti e pericolosi. Ma non è facile se in circolazione c'è Diamanda Pye, impagliatrice ostinata a voler vincere il Cucchiaio d'Oro Estraicervello e se Mortifer il basilisco decide di scappare e di andare in giro per la città a pietrificare tutto ciò che incrocia il suo sguardo.
George e Prudence però ce la metteranno davvero tutta...

Quando nella quarta di copertina compare il nome di Roald Dahl per attirare il lettore un campanello di scetticismo si accende inevitabilmente nel cervello. Troppo spesso il nome del grande autore per ragazzi viene usato e abusato a caso, in troppi vengono paragonati a lui, ma in pochi ne sono davvero all'altezza. Perciò la lettura di questo libro è partita un po' sottotono, mi aspettavo l'ennesima delusione. Ma con piacevole sorpresa invece mi sono ricreduta e mi sono davvero gustata La fattoria degli animali fantastici, dall'inizio alla fine, ridendo molto e appassionandomi alle avventure paradossali del povero George.
Veronica Cossanteli è cresciuta con un dinosauro immaginario che dormiva sul suo letto, abita con un sacco di animali (reali) e fa l'insegnante in una scuola elementare. 
Finalmente un buon libro! I ragazzi ne saranno contenti. 

La fattoria degli animali fantastici
Veronica Cossanteli
traduzione di Guido Calza
illustrazioni di Vanni Soru
Feltrinelli Kids
pp. 233 
2015
da 9 anni

mercoledì 1 luglio 2015

Mercoledì al cubo (9): EDIZIONE ESTIVA, libri per la spiaggia (e non solo)


Il mercoledì al cubo si ferma per le vacanze estive. L'idea stuzzicante che ci è venuta è quella di moltiplicare il cubo! Ognuna di noi ha cercato un libro così da lasciarvi con una ricca proposta di letture da portare sotto l'ombrellone. Tre (o più) proposte da leggere e, perché no, con cui giocare. Almeno, questo è quello che abbiamo pensato noi. Non solo un libro, ma un'attività da fare al mare, al lago, in montagna, ovunque siate perché con un libro si può fare davvero tutto.
Questa volta non siamo partite dai libri ma da un sasso. Le Pollicine, oramai è risaputo, adorano camminare e, camminando, adorano anche guardarsi in giro. Una delle due saprebbe trovare un quadrifoglio in un immenso prato verde, mentre l'altra ricorda con un pizzico di nostalgia quando il padre portava lei ed il fratello a cercare sassi sulle rive di un fiume e li spronava a ricercare pietre preziose all'interno di ogni singolo sasso. E' nato così questo post, raccogliendo sassi e pensando a cosa farci, mentre almeno due proposte interessanti sono già arrivate sugli scaffali delle librerie e delle biblioteche. 




La prima proposta è il libro ABC DEI SASSI che forse non è solamente un libro, ma anche un manuale, un album, addirittura un quaderno se diventa di proprietà personale. Un alfabetiere fatto eslusivamente di sassi raccolti sulle spiagge, sulle rive dei fiumi, in pianura, in montagna o persino nel proprio giardino, e dentro cui ritrovare ogni singola lettera dell'alfabeto: A come ape, B come becco, C come cane... fino a Z come zanzara.
Dopo l'osservazione del sasso per scoprire la lettera, l'autore ci invita a disegnare, partendo dal sasso originario, un disegno e a colorarlo, ed infine ci chiede di provare a riscrivere la lettera, ricalcando le tracce preparate e completando una frase. 
Chiarissimo il suo intento, dichiarato all'inizio: 
Come sarebbe riunirle tutte:
la mia A con tutte le altre A provenienti dalla Grecia o dalla Nuova Zelanda,
poi le B australiane insieme a quelle olandesi o keniote, 
e cosi via fino all'ultima lettera.
Alla fine avremo un abc di sassi veramente globale:
forse l'inizio di un dialogo senza confini.

La seconda proposta è il libro Ti amo ogni giorno, in cui Malika Doray fa escogitare alla mamma protagonista della storia una geniale trovata per curare la nostalgia del suo piccolo da cui deve stare lontana per qualche giorno. Insieme andranno a raccogliere sassi, tanti quanti sono i giorni di separazione, da togliere ogni mattino per contare quanto manca al suo ritorno. 



L'estate (di sicuro) sarà interessante e ricca di progetti e di attività curiose. Il sole e il caldo favoriranno le idee e la voglia di uscire ad osservare il mondo. Un libro può accompagnarci nelle uscite in bicicletta anche quando in realtà se ne sta tranquillo ad attenderci a casa; può essere fonte di idee e spunto per passatempi divertenti. 


video


Mare, spiaggia, riva, roccia o prato... riuscirete anche voi a trovare un sasso-lettera?
Noi siamo alla ricerca....

ABC DEI SASSI
Mauro Bellei
Fatatrac
2015
da 4 anni

Ti amo ogni giorno
Malika Doray
Terre di mezzo
2015
da 4 anni

I consigli di Apedario

I consigli di ScaffaleBasso

martedì 30 giugno 2015

Biblioburro: Chi cosa chi



Un libro per giocare o un gioco per avvicinare il piccolo lettore al libro. Qualunque cosa sia, il nuovo libro di Olivier Tallec è un autentico spasso. Il libro presenta diverse situazioni facendo ogni volta una domanda diversa al bambino lettore: Chi non ha dormito abbastanza? Chi si è fatto male? Chi è innamorato? Chi vuole far paura?...





Per ogni domanda, compaiono diversi animali e bambini su sfondo bianco, ma uno solo sarà quello giusto ed il lettore dovrà indovinare di chi si tratta (il tocco geniale di Tallec sta nell'aver messo le soluzioni all'ultima pagina).
Un bel modo per iniziare a creare relazioni tra immagini e testo, ma soprattutto tra immagini e quanto il testo non dice, a partire fin dai piccolini, ma le risate contageranno anche l'adulto.

Chi cosa chi
Olivier Tallec
traduzione di Chiara Stancati
Lapis
2015
pp. 32
da 3 anni