Pagine

Translate

martedì 3 maggio 2016

Biblioburro: La prima volta che



Quante prime volte nella vita di ciascuno di noi! Il primo amore, la prima sigaretta, il primo no, il primo viaggio, il primo lavoro... sono tante e spesso ricorrono comunemente tra gli adolescenti, ma ognuno la vive poi in maniera personale: con paura, con allegria, con leggerezza, con ansia, con incoscienza... Dodici prime volte raccontate da grandi autori italiani, di cui due sono graphic novel, come era già avvenuto in Parole fuori.
Un libro da leggere a bocconi, aprendolo a caso. 

NB: Siate sinceri: quanti di voi hanno fatto blau

La prima volta che
AAVV
Il castoro
2016
da 13 anni

lunedì 2 maggio 2016

Biblioburro: Strisce e macchie




Due cuccioli si incontrano nella giungla: un tigrotto e un leopardino. Sono usciti dalle loro rispettive tane un caldo pomeriggio d’estate dopo il sonnellino e si sono addentrati nella foresta alla ricerca di cibo da mangiare. Quando si incontrano stabiliscono un patto per non litigare: il tigrotto potrà mangiarsi tutto ciò che è a strisce, mentre il leopardino potrà tenere per sé tutto ciò che è a macchie. Trovano insetti, animali e persino foglie a strisce e a macchie, ma niente ha il sapore del cibo delle tigri né di quello dei leopardi. E proprio quando si sentono sconsolati e sempre più affamati, i due cuccioli ritrovano le loro mamme, che li riportano a casa e che gli danno, finalmente, la cena e non si tratta di cibo a strisce o a macchie, ma di semplice latte!
Una passeggiata nella giungla che sembra quasi reale, una carrellata di animali e colori vivaci e caldi con tocchi soprattutto di giallo e verde, per questo albo illustrato che, pubblicato da poco da Orecchio acerbo, in realtà uscì la prima volta nel 1961. Tigri e leopardi fanno parte della stessa famiglia, sono molto simili anche nello stile di vita, nonostante il diverso colore del manto, perché in fondo tutti i cuccioli, siano essi animali o umani, si assomigliano: ad un certo punto, curiosi ed un po’ incoscienti, partono alla ricerca di una propria autonomia, ma rimangono sempre dei cuccioli, desiderosi di un caldo abbraccio della madre, che li protegge, li sfama e gli canta la ninna nanna per farli addormentare.
Un albo illustrato da leggere a voce alta ai propri cuccioli e alla fine, prima del bacio della buonanotte, anche la ninna nanna delle tigri e dei leopardi da recitare insieme a loro.
Qui una recensione completa. 

Strisce e macchie
Dahlov Ipcar
Traduzione di Damiano Abeni
Orecchio acerbo
2016
da 4 anni

venerdì 29 aprile 2016

Biblioburro: Ora non più


"Jimmy appena nato era riccio.
Soledad appena nata era pelata.
Youssef appena nato era tutto rosso.
Sveva appena nata era chiara.

Ora non più."














Jimmy, Soledad, Youssef e Sveva sono quattro amici, con caratteristiche fisiche e caratteriali diverse ma in comune hanno sogni ed aspettative sulle loro vite future.

Com'eri da piccolo/a?
Cosa vuoi fare da grande?

Due domande che ricorrono spesso tra amici. Da piccoli si sogna, di idealizza il futuro, si fanno promesse e si vive con curiosità. Da grandi si ricorda, si sorride su ciò che si desiderava, si rimpiangono scelte e ci si inorgoglisce per i successi ottenuti.
Jimmy, Soledad, Youssef e Sveva vanno d'accordo proprio perché sono diversi, da bambini hanno condiviso paure e amici immaginari, punizioni e giochi.
Da adolescenti i quattro amici hanno in comune la ribellione verso la scuola e la famiglia, esternano i loro caratteri attraverso la musica e il modo di vestire. Sono cresciuti, tutti e quattro, sono cambiati, ma una cosa è rimasta uguale: la loro profonda amicizia.



Jimmy, Soledad, Youssef e Sveva
quand'erano piccoli
pensavano che sarebbero rimasti
sempre nello stesso posto,
con la stessa faccia
e gli stessi pensieri.

Ora non più.

Un albo sull'amicizia vera e sulla crescita vista dal punto di vista del bambino, pieno di sogni, colori e speranze. 

Ora non più
Valentina Rizzi, Marianna Coppo
Settenove
2016
da 5 anni

giovedì 28 aprile 2016

Come ti spiego il grembiule: Sono tre amici


Proseguono le attività della maestra che, semplicemente basandosi sulle storie che abbiamo letto ai suoi bambini, ne ha ricavato tesori. L'ultimo in ordine di tempo è questa piccola storia che alcuni suoi alunni (debitamente firmatisi in calce) hanno scritto insieme a lei, dopo aver ascoltato Grande, medio, piccolo.


" Vi presentiamo tre amici: Grande, Medio e Piccolo. Giocano sempre insieme, ed hanno anche tre coperte: una grande, una media e una piccola. 



Quella grande è di Medio, che ogni tanto ci va dentro e la chiude, così gli sembra di essere una farfalla; quella piccola e di Grande, che in estate la usa come una bandana sulla testa; e quella media, che è rossa ed imbottita, è di Piccolo. 






Vivono in tre case: in quella grande ci sta Piccolo, che si dondola sui lampadari; in quella media abita Grande e in quella piccola Medio, che alleva le farfalle.




Hanno anche dei peluches! Però sono giusti: Grande ha un grande e peloso cane, Medio un coniglio medio e Piccolo un piccolo, morbido pulcino!" 


Cristiana, Gabriele, Elia, Rebecca, Luna, Greta, Jacopo, Tiziano.

Anche questa volta, grazie ad una storia letta in aula, i bambini hanno creato capolavori!

Grande, medio e piccolo
Alice Brière-Haquet, Célia Chauffrey 
La Margherita
2013
da 4 anni